Accedi

Natura, Cultura e Cantine

Gesualdo 83040 AV

“Est locus Italiae medio sub montibus altis, nobilis et fame multis memoratus in oris, Amsancti valles” …
In questa citazione, tratta dal libro VII dell’Eneide, Virgilio nomina la Valle di Ansanto in Irpinia, dove sorge un misterioso luogo da secoli ritenuto il passaggio dalla terra agli inferi. Si tratta della Mefite, zona nota agli antichi per la presenza di un omonimo laghetto, caratterizzato dalle esalazioni di gas solforosi provenienti dal sottosuolo.

Non è che l’inizio di un viaggio emozionale con un soggiorno speciale nel centro di Gesualdo, in Irpinia.

Qui il principe Carlo Gesualdo, musicista madrigalista vissuto nel sec. XVI, trovò la giusta ispirazione per comporre la sua particolarissima e nostalgica musica, stimolando tuttora la fantasia di registi e scrittori sulle vicende della sua vita.

Il viaggio prosegue alla scoperta delle suggestive Cantine Fiorentine realizzate con tecniche di bioarchitettura in legno di castagno locale, dove si apprende l’intero processo produttivo del Taurasi DOCG.

Nellaa magia della verde Irpinia si visitano gli splendidi gioielli medioevali come l’Abbazia del Goleto, le sorgenti del fiume Ofanto e il delizioso romantico borgo di Rocca San Felice.

Questa offerta soddisfa i requisiti di sicurezza previsti per contrastare la diffusione del COVID-19.

Cosa è incluso?
2 Borghi in Irpinia (AV)
1 Soggiorno in Camera Doppia
1 Colazione
1 Degustazione in Cantina
1 Cena Gourmet
1 Guida esperta

Cosa non è incluso?
Spostamenti da effettuarsi con mezzi propri
Quanto non specificato in “Cosa è incluso“

 

Tour Plan

Check-in e Visita al romantico borgo di Gesualdo
Il viaggio inizia in uno dei borghi più affascianti della Campania, Gesualdo, dove, insieme agli operatori culturali della Pro Loco, si visita la dimora del madrigalista Carlo Gesualdo, conoscendone la sua incredibile storia. Si prosegue nelle stradine dell’antico borgo, visitando lo splendido Palazzo Pisapia e la chiesa di Santa Maria delle Grazie, nota per custodire la famosa tela “Il perdono di Carlo Gesualdo” la cui paternità viene fatta risalire all’artista Giovanni Balducci.

Dopo il pranzo in una bottega o ristorante del borgo, nel pomeriggio, il viaggio prosegue alla scoperta delle Cantine Fiorentino,  nelle campagne del borgo di Paternopoli (AV), realizzata con tecniche di bioarchitettura in legno di castagno locale. Si percorre l’intero ciclo di produzione, dall’arrivo dell’uva alla barricaia. Al termine, la degustazione di una selezione di vini accompagnati da spuntini a base di formaggi e salumi tipici locali. 

In serata la Cena Gourmet al ristorante “La Pergola, dove si può  vivere l’esperienza del buon cibo degustato con il giusto ambiente e il giusto tempo, accompagnato da un’ottima accoglienza, la vera filosofia Slow Food. Dopo la cena, si consiglia una sosta presso la piazzetta del paese per poi attraversare e visitare gli innumerevoli vicoli dove poter passeggiare e meditare accompagnati dalla quiete della notte.

La magica Mefite, la misteriosa Rocca e la millenaria Abbazia del Goleto
Dopo la colazione, il viaggio inizia alla Mefite, sito naturalistico, storico e archeologico con piccolo lago sulfureo. Insieme alla guida esperta e Osco, personaggio arcaico, si attraversa la suggestiva “Valle della morte”, dove si sprigionano gas sulfurei (si accede solo con guide esperte e quando i venti sono favorevoli; mai da soli). Il cammino prosegue attraverso un bosco incantato, ricco di felci e flora endemica e rara, dove sono esposte opere d’arte a cielo aperto, realizzate e donate da Osco.

Spostamento in auto fino fino a Rocca San Felice, si visita il borgo medievale con il piccolo Museo archeologico e con salita all’antico Castello (la Rocca), dove è possibile godere di un magnifico panorama a 360° sulla Valle del fiume Fredane.

Dopo l’esperienza enogastronomica in un ristorante tipico locale (si consiglia la “Locanda di Enza”, dove degustare i piatti della tradizione locale) si raggiunge contrada San Guglielmo dove avrà inizio la visita guidata della splendida Abbazia, e della cittadella monastica con doppio monastero (femminile e maschile), fondata da San Guglielmo nel XII sec. 

L’Abbazia fonda su reperti di epoca romana e fu distrutta più volte dai terremoti, ma sempre riedificata. Siamo in prossimità delle sorgenti del fiume Ofanto, di fronte alla catena montuosa dei Picentini (Appennino meridionale). Dopo la visita ritorno in albergo e saluti di fine esperienza.

Accommodation

Il soggiorno presso Zembalo B&B
Situato nel centro del borgo di Gesualdo, uno dei più importanti dal punto di vista architettonico, culturale e artistico, ‘Lo Zembalo’ è un B&B elegante e confortevole adatto ad ogni esigenza. Sono infatti disponibili ampie camere matrimoniali e singole spaziose, con bagno privato e servizio in camera. La struttura presenta due ampi saloni e due cucine poste su piani differenti. Al piano terra invece è presente un invitante lounge bar annesso al ristorante-pizzeria per le vostre colazioni e per pranzo. Lo Zembalo è un testimone importante della storia del borgo, sono diversi infatti, gli ospiti famosi che vi hanno soggiornato in passato; in gran parte musicisti, scrittori e registi alla ricerca delle orme di Carlo Gesualdo.

Location

Scheda verificata

Contattaci